Browse By

Ripristinare il Master Boot Record (MBR) e l’avvio (boot) di Windows XP

Il formato MBR (Master Boot Record) è lo schema standard di partizionamento utilizzato dagli hard-disk sin dalla nascita del Personal Computer PC-IBM compatibile. È utilizzato su tutti i computer dotati di BIOS che memorizzano sul primo settore del disco (chiamato appunto MBR) alcune informazioni di importanza cruciale per l’avvio del sistema operativo. In particolare l’MBR contiene la tabella delle partizioni ed il codice di bootstrap, un insieme di istruzioni che esaminano tale tabella, individuano la partizione attiva (quella da cui parte il caricamento del sistema operativo) ed infine cedono il controllo del computer al codice contenuto in un altro settore fondamentale, il boot sector (settore di avvio). Può succedere che il MBR e/o il boot sector di Windows XP vengano sovrascritti o danneggiati; se ciò accade potrebbe essere impossibile riavviare correttamente Windows XP, per cui occorre intraprendere delle azioni correttive per ripristinare il funzionamento del sistema.

Per eseguire le operazioni di emergenza è necessario accedere alla Console di ripristino facendo il boot dal CD di installazione di Windows XP. Se non sapete come fare, potete leggere la guida (inserita in questo stesso blog) per avviare la Console di ripristino.

Ripristinare il MBR con fixmbrUna causa frequente della variazione del MBR è l’installazione di un altro sistema operativo (per esempio Linux), che potrebbe aver sovrascritto il codice di bootstrap creato da Windows XP al momento dell’installazione.

Ristabilire una situazione normale è semplice:
accedere alla Console di ripristino (con boot dal CD di installazone di Windows XP);per ripristinare il MBR digitare fixmbr e premere INVIO.Apparirà una serie di avvisi e, alla fine, una richiesta di conferma per il ripristino del MBR: digitare la lettera s per confermare (la s sta per “si”, se il sistema è in Inglese la lettera da premere è la y per “yes”; la n invece sta per “no”).
A questo punto l’MBR è stato ripristinato; si può digitare exit per uscire dalla sessione della Console, oppure si può scegliere di rimanere nella Console per impartire altri comandi.
L’effetto del comando fixmbr è riscrivere il codice di bootstrap, mentre la tabella delle partizioni non viene modificata.

Ripristinare il boot sector (settore di avvio) con fixbootTrascurando i “soliti” virus, una causa frequente della corruzione del boot sector della partizione di avvio è lo spostamento e/o il ridimensionamento della partizione stessa effettuato in modo anomalo; è causato dall’utilizzo non corretto dei tool di partizionamento e gestione del disco oppure dall’imperizia dell’utente.

Anche in questo caso la correzione del problema è semplice:
accedere alla Console di ripristino (con boot dal CD di installazone di Windows XP);per ripristinare il boot sector digitare fixboot e premere INVIO.Apparirà un messaggio che specifica la partizione di cui verrà riscritto il settore di avvio e la richiesta di conferma dell’operazione: digitare la lettera s per confermare (y se il sistema è in Inglese).
Il boot sector è stato riscritto; si può digitare exit per uscire dalla sessione della Console, oppure si può scegliere di rimanere nella Console per impartire altri comandi.
L’effetto del comando fixboot è riscrivere il codice del settore di avvio della partizione attiva, in modo da permettere il caricamento del sistema operativo.

Sintesi e commentoIn estrema sintesi, per ripristinare l’avvio di Windows XP è sufficiente avviare la Console di ripristino facendo il boot con il CD di installazone di Windows XP, quindi usando in sequenza prima il comando fixmbr e poi il comando fixboot.

Questo metodo è efficace la maggior parte delle volte, eccetto che per virus particolarmente sofisticati che modificano la tabella delle partizioni in modo noto solo a loro: in tal caso il comando fixmbr sovrascrive il virus (e quindi lo elimina dal MBR), però la tabella delle partizioni diventa illeggibile. Se ciò accade il sistema è compromesso e bisogna effettuare un nuovo partizionamento ed una reinstallazione di Windows XP, oppure il ripristino di un’immagine di sistema creata con un tool di imaging.