Tra i prodotti proposti dal settore creditizio, sono in molti a guardare con interesse ai prestiti con delega di pagamento, noti anche con il termine di doppio quinto. Grazie ad essi, infatti, i consumatori che ne necessitano possono superare la strettoia proposta dalla cessione del quinto, la quale prevede appunto un tetto al finanziamento massimo che si può ottenere tale da impedire a volte di soddisfare appieno le esigenze del richiedente. Con il doppio quinto, come si può facilmente capire dalla definizione, la via da praticare a livello finanziario è più ampia, rendendo il prodotto più adatto a chi abbia maggiori problemi di liquidità. Va però sottolineato che proprio il fatto di comportare una maggiore esposizione per l’ente erogante, spinge infine lo stesso a chiedere garanzie più stringenti rispetto alla semplice cessione del quinto.

 

Più soldi disponibili, ma maggiori garanzie da presentare

 

Come abbiamo già detto, quindi, i prestiti con delega di pagamento costringono i richiedenti a presentare maggiori garanzie agli enti cui si rivolgono per poter ottenere il finanziamento. La prima delle quali è l’assicurazione obbligatoria per i casi vita e rischio impiego. E’ poi obbligatorio per il richiedente avere una posizione lavorativa a tempo indeterminato, mentre per i dipendenti privati occorre essere titolari di un’adeguata anzianità di servizio o poter disporre di un buon TFR o pensione integrativa.

Solitamente si ritiene che un prodotto di questo genere possa risultare più conveniente per chi abbia già sottoscritto una cessione del quinto e venga a ritrovarsi nella necessità di un finanziamento con un importo dal valore raddoppiato al fine di fronteggiare nuove evenienze che consigliano una certa liquidità.

Anche in questo caso, naturalmente, il mercato offre una serie di soluzioni più o meno convenienti. Per cercare di districarsi al meglio tra le varie proposte si consiglia perciò da un lato di usare un comparatore e dall’altro di assumere il maggior numero di informazioni possibili per riuscire a capire se sia il caso di utilizzare una soluzione di questo tipo oppure optare per un prodotto differente. Per farlo si può consultare iprestiticondelega.it, sito espressamente dedicato all’argomento.

 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *