Tra i prodotti creditizi esistenti, sono sempre più gettonati i prestiti con cessione del quinto, ovvero quella tipologia di finanziamento che prevede la riscossione della rata mensile sullo stipendio o sulla pensione dell’interessato. Proprio il prelievo automatico alla fonte ha in pratica spinto le finanziarie a privilegiare questo prodotto, per il quale non esiste necessità di dare vita a lunghe procedure di carattere burocratico o istruttorie tese a capire se il richiedente sia in grado di ottemperare ai suoi obblighi contrattuali.

Per capire meglio cosa caratterizzi i prestiti con cessione del quinto il nostro consiglio è di collegarsi online ad un sito come prestiticoncessionedelquinto.it, ove è possibile reperire informazioni in grado di chiarire il quadro. Da parte nostra, invece, cercheremo di capire se questa formula sia effettivamente conveniente per chi la richiede.

 

Cessione del quinto: conviene o no?

 

La domanda che ci si dovrebbe porre, prima di chiedere un prestito di questo genere, è la seguente: convengono i prestiti con cessione del quinto? La risposta che viene data dagli esperti è negativa. A spingerli a fornire parere negativo è il fatto che questa tipologia di finanziamento comporta un aggravio di costi nell’ordine del 20% rispetto ai prestiti personali e a consumo.
Ad aumentare il peso della rata da corrispondere all’ente erogante sono in particolare i cosiddetti costi accessori, categoria in cui vanno a rientrare le spese di intermediazione e di gestione, oltre all’assicurazione, che è praticamente obbligatoria.

Per capire meglio quanto costi un prestito con cessione del quinto, lo strumento migliore a disposizione dei consumatori è il TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale), ovvero l’indicatore che comprende tutti i costi effettivamente connessi al prodotto. Proprio per questo motivo le aziende creditizie solitamente cercano di mettere in evidenza il TAN (Tasso Annuo Nominale), che invece non comprende tutti questi costi e non riesce a chiarire il quadro a favore del richiedente. Quando ci si accinge a scegliere un finanziamento di questo tipo, proprio per confrontare l’effettiva convenienza delle proposte sarebbe il caso di dare un’occhiata al TAEG, dal quale si potrà capire l’effettivo importo da corrispondere alla finanziaria al di là del tasso di interesse concordato.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *