Secondo alcune stime fatte anche di recente, ammonterebbe ad oltre 16 milioni il numero dei cattivi pagatori nel nostro Paese. Un numero gigantesco che riesce a dare una idea abbastanza esauriente degli effetti della crisi economica che attanaglia il nostro Paese dal 2008, dopo lo scoppio della bolla dei mutui Subprime e la conseguente gelata dei consumi in tutto l’Occidente.
Il dato in questione è indicativo delle strozzature con cui devono confrontarsi gli italiani che sono alla ricerca di finanziamenti in grado di risolvere i loro problemi di liquidità. Va peraltro sottolineato come tra i 16 milioni segnalati al SIC (Sistema Informazioni Creditizie) ad opera di database come quello del Crif che racchiudono il nome dei cosiddetti cattivi pagatori, ben 6 sarebbero clienti che hanno già  provveduto a regolarizzare la propria posizione, senza però che il sistema sia stato aggiornato. Anche loro, quindi, si trovano a scontare i difetti di un sistema che toglie qualità al credito e crea notevoli problemi nei rapporti tra aziende creditizie e utenza.

 

I prestiti per cattivi pagatori: come ovviare?

 

Quando si entra a far parte di un database di cattivi pagatori, le conseguenze sono molto negative. In questi casi, infatti, le aziende cui si rivolge l’interessato porranno una serie di paletti estremamente rigidi, tesi a garantire il ritorno del loro investimento. Paletti che possono infine rendere praticamente impossibile il ricorso al credito, a meno di non rassegnarsi ad aderire a condizioni abbastanza sfavorevoli anche dal punto di vista della convenienza. Le soluzioni congegnate dalle imprese del settore creditizio, infatti, prevedono condizioni economiche abbastanza dure e modalità che possono esporre il potenziale cliente a notevoli rischi, come accade ad esempio nel caso dei prestiti cambializzati. Prima di rivolgersi a questi strumenti, si consiglia quindi di informarsi nel modo più esaustivo possibile riguardo alle possibili alternative. Il modo migliore per farlo consiste nel consultare i siti online dedicati alla tematica, partendo magari da guidaprestiticattivipagatori, un vero e proprio punto di riferimento, ove è possibile ottenere una lunga serie di informazioni in grado di chiarire al meglio il quadro e indirizzare il consumatore verso una possibile soluzione che tenga nel giusto conto la sua convenienza.

 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *