Browse By

Guida completa all’uso degli hashtag sui social network: quanti, quali e dove usarli

imageIl simbolo di un tasto del telefono si trasforma nella vera, grande rivoluzione comunicativa degli ultimi anni, in grado di sconvolgere nel profondo non soltanto il mondo dei social network ma anche quello degli spot televisivi, dell’entertainment, della musica (citofonare Thicke, solo per dirne uno). Ne diventa poi persino inglobato, perché poi, come sempre, subentra l’eccesso, l’abuso, l’uso lontano da quello che è l’obiettivo primario dello strumento e cioè, in questo caso, la categorizzazione di un argomento o di una discussione.

Visti da un’altra prospettiva, gli hashtag (creati in originariamente per Twitter e poi importati capillarmente sugli altri social) hanno un potenziale formidabile. Le statistiche e le informazioni che andremo a presentare di seguito, raccolti originariamente dal blog di Bufferapp,  ne rendono finalmente chiara l’efficacia e rispondono anche alle domande più rilevanti riguardo al loro utilizzo: quanti è opportuno usarne? Quali sono i migliori? Riescono davvero a stimolare le condivisioni?

Gli hashtag su TWITTER

L’efficacia degli hashtag su Twitter è dimostrata da una ricerca su Buddy Media, che ha rivelato che i tweet contenenti hashtag ottengono quasi il doppio dell’engagement rispetto agli altri. Il consiglio, però, è di non usarne più di due. Dall’analisi emerge infatti che:

I tweet con 1