Andando a osservare i dati relativi al mercato dell’automotive, gli analisti non hanno potuto che constatare un dato di fatto: in Italia il mercato delle autovetture è sostenuto dal settore creditizio. A dimostrare questo fatto è proprio il dato relativo alle immatricolazioni di auto nel nostro Paese, nel corso degli ultimi anni. Ad esempio nel 2015 la crescita è stata del 15,8% rispetto ai dodici mesi precedenti, mentre nel 2016 le case automobilistiche hanno messo a segno un altro aumento del 16,2%. Il tutto mentre il reddito disponibile aumentava solo dell’1,8% e il PIL dello 0,9%. Se a questi dati si aggiunge il fatto che secondo ABI (Associazione Bancaria Italiana) e Banca d’Italia gli unici finanziamenti a crescere come stock sono quelli finalizzati a privati, è facile capire come in effetti proprio grazie al credito il settore automobilistico riesce a crescere in maniera assolutamente sorprendente.
Anche UNRAE, l’associazione che raggruppa le case automobilistiche straniere conferma del resto il dato, se si pensa che in base ai report diffusi ben il 75% degli acquisti di auto viene finanziato tramite prestiti al consumo generici oppure finalizzati allo scopo.

 

La conferma del Barometro CRIF

I prestiti auto sono sempre più richiesti dagli italiani. A confermarlo è anche il Barometro CRIF, il quale provvede a rilevare l’andamento delle richieste di prestiti (categoria in cui rientrano le vere e proprie istruttorie formali, non le semplici richieste di informazioni oppure i preventivi fatti online) prese in esame dagli istituti di credito e dagli altri istituti erogatori. Naturalmente ad agevolare il mercato è stato anche il discorso relativo al fatto che in Italia circolano ancora un gran numero di vetture ormai obsolete e il cui ricambio è improcrastinabile.

Resta comunque il fatto che per chi sia intenzionato ad acquistare una nuova vettura, il settore creditizio può essere un valido ausilio e proporre soluzioni che andrebbero studiate attentamente al fine di comprenderne l’effettiva convenienza. Il modo migliore per procedere in tal senso può essere costituito dai siti online che trattano diffusamente la materia, a partire da prestitiautosulweb.it, vera e propria miscellanea di informazioni a beneficio dei consumatori.

 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *